Andrea Nucci

Laureato in Scienze Statistiche e particolarmente attento alle novità che lo circondano, dal 1998 lavora nel settore dell‘IT. Prevalentemente coinvolto in progetti legati a Java, da un paio d‘anni è interessato al mondo Open Source. Dopo aver accumulato una notevole esperienza presso vari clienti e con vari ruoli (da programmatore a coordinatore gruppo di sviluppo), attualmente lavora in Ancitel S.p.A.

Articoli pubblicati da Andrea Nucci:

n 129 maggio 2008

Ruby in azione

III parte: Deployment di applicazioni Rails con JRuby

In questo articolo parliamo di un "ponte" tra Java e Ruby: introduciamo il mondo JRuby e le sue potenzialità cercando di descrivere l‘utilità e le modalità di deployment di un‘applicazione Rails su di un application server Java.

n 127 marzo 2008

Ruby in azione

II parte: Deployment di applicazioni Rails

In questo articolo, cerchiamo di capire le opzioni possibili per rendere fruibile un‘applicazione Rails in ambiente di esercizio. Da un web server proprietario quale WebBrick ai FastCGI di Lighttpd, passando per Apache Http Server, esaminiamo pregi e limiti delle varie soluzioni per fruire di applicazioni web dinamiche basate su Ruby.

n 124 dicembre 2007

Ruby in azione

I parte: Componente View e Templates in Rails

In questa nuova serie, "Ruby in azione", ci dedichiamo ad alcuni aspetti utili al programmatore Ruby on Rails, quali la componente view e i templates, la gestione dei file XML, l‘ambiente di deployment, e così via. Iniziamo dall‘analizzare il meccanismo dei template e le potenzialità della ActionView.

n 121 settembre 2007

Ruby

V parte: Ruby on Rails e Web 2.0

Quali sono i punti di contatto tra il mondo Ruby on Rails e il Web 2.0? In questo articolo si farà una panoramica su software liberamente disponibile che si inserisce in questo contesto, su Ajax e su altre tecnologie, al fine di comprendere lo stato di RoR rispetto a Web 2.0.

n 119 giugno 2007

Ruby

IV parte: Rails... non solo Web Services

In questo articolo ci occupiamo principalmente delle fasi necessarie alla generazione e fruizione di Web Services in Rails. Faremo ricorso a AWS, Action Web Services e alla libreria SOAP::WSDLDriverFactory. Cerchiamo di arricchire con preziose informazioni le varie fasi del processo.