Giovanni Puliti

Giovanni Puliti

Giovanni Puliti lavora come consulente nel settore dell’IT da oltre 20 anni. Nel 1996, insieme ad altri collaboratori crea MokaByte, la prima rivista italiana web dedicata a Java. Da allora ha svolto attività di formazione e consulenza su tecnologie JavaEE. Autore di numerosi articoli pubblicate sia su MokaByte.it che su riviste del settore, ha partecipato a diversi progetti editoriali e partecipa regolarmente a conference in qualità di speaker. Dopo aver a lungo lavorato all’interno di progetti di web enterprise, come esperto di tecnologie e architetture, è passato a erogare consulenze in ambito di project management. Da diversi anni ha abbracciato le metodologie agili offrendo alle aziende e organizzazioni il suo supporto come coach agile che come business coach. È cofondatore di AgileReloaded, l’azienda italiana per il coaching agile.

Articoli pubblicati da Giovanni Puliti:

n 231 settembre 2017

Antifragilità e l’antica arte di migliorare quando le cose peggiorano

III parte: Il manifesto antifragile

Concludiamo questa serie di articoli dedicati al tema dell’antifragilità, tirando le fila di quanto detto nei due articoli precedenti e presentando il Manifesto Antifragile, ossia una serie di principi e valori che possono guidarci nel favorire l’antifragilità all’interno delle organizzazioni.

n 230 luglio 2017

Antifragilità e l’antica arte di migliorare quando le cose peggiorano

II parte: Essere antifragili

Nell’articolo precedente abbiamo introdotto i concetti di fragile, robusto, resistente e antrifragile. In questa seconda parte, approfondiamo cosa significhi essere antifragili per un’organizzazione o un’azienda.

n 230 luglio 2017

Antifragilità e l’antica arte di migliorare quando le cose peggiorano

I parte: L’antifragilità e la sua importanza per le organizzazioni

Fragile, robusto, antifragile. Tre modalità con cui i sistemi possono reagire alle perturbazioni esterne. Se essere robusto (o resiliente) significa non soccombere nelle avversità, essere antifragili significa trovare beneficio in condizioni di variabilità e incertezza elevate.

n 229 giugno 2017

Appunti di System Thinking

III parte: Gli archetipi sistemici

Dopo aver visto nella puntata precedente alcuni elementi base della notazione grafica e gli schemi elementari dei diagrammi di System Thinking, passiamo a vedere come sia possibile comporre tali diagrammi per creare i cosiddetti archetipi sistemici.

n 229 giugno 2017

Appunti di System Thinking

II parte: Cosa è il pensiero sistemico e come applicarlo

In questo articolo cercheremo di dare una definizione di pensiero sistemico a partire dal concetto di sistema. Presenteremo poi gli elementi base della notazione grafica che si può utilizzare per disegnare diagrammi di System Thinking.