Luca Vetti Tagliati

Luca Vetti Tagliati

Luca Vetti Tagliati ha conseguito il PhD presso il Birkbeck College (University of London) e, negli anni, ha applicato la progettazione/programmazione OO, Component Based e SOA in diversi settori che variano dal mondo delle smart card a quello del trading bancario, prevalentemente in ambienti Java EE. Dopo aver lavorato a lungo nella City di Londra per le più importanti banche di investimento (Goldman Sachs, Lehman, Deutsche Bank, UBS, HSBC) ricopre attualmente l'incarico di Senior Lead Global Architect per importanti gruppi bancari nel sud della Svizzera. Ha collaborato attivamente con John Daniels (coautore del libro "UML components") e Frank Armour (coautore del libro "Advanced Use Case Modeling"). È autore del libro "UML e ingegneria del software", pubblicato nel 2003 da HOPS/Tecniche Nuove, di "Java Best Practice: i migliori consigli per scrivere codice di qualità", pubblicato nel 2008 dal medesimo editore, e dell'ebook "Verso Java 8. Appunti per lo sviluppatore in Java SE 7" pubblicato da MokaByte e scaricabile dal nostro sito. È stato invitato a Los Angeles e Boston per presentare i suoi paper in convegni inerenti Software Engineering & Architecture. Nel 2015 ha ricevuto il prestigioso ICMG Award.

Articoli pubblicati da Luca Vetti Tagliati:

n 211 novembre 2015

Java 9 Jigsaw: un puzzle lungo quasi un decennio

II parte: Il modulo, nel dettaglio

Nel precedente articolo abbiamo descritto la modularizzazione di Java che è finalmente disponibile in Java SE 9. In questo articolo scendiamo nei dettagli investigando il costrutto base del progetto: il modulo.

n 209 settembre 2015

Java 9 Jigsaw: un puzzle lungo quasi un decennio

I parte: Una panoramica sulla modularizzazione

La modularizzazione di Java è finalmente disponibile in Java SE 9 dopo un lungo e accidentato percorso iniziato nel 2008 ancora dalla Sun Microsystem e transitato per Java SE 7 e 8. Con Java SE 9 questa importante novità si è concretizzata ed è quindi il caso di vederne gli aspetti fondamentali.

n 199 ottobre 2014

Use Case vs. User Story

Parte IV: Tutto cambia, per non cambiare nulla

Con questo articolo concludiamo la nostra analisi dei requisiti funzionali e in particolare la comparazione tra la notazione dei casi d'uso e l'approccio delle storie utente. Nel corso dell'articolo evidenziamo ancora una volta come queste due notazioni abbiamo ben poco in comune ed evidenziamo alcuni elementi a cui prestare attenzione per non aggiungere ulteriori rischi al progetto.

n 197 luglio 2014

Use Case vs. User Story

III parte: Uno sguardo a similitudini e differenze

Nel corso dei precedenti articoli ci siamo soffermati a definire con precisione i requisiti software in generale e poi quelli funzionali ricapitolando sia la notazione dei casi d’uso che quella delle User Story. È giunto quindi il momento di concentrarsi sul nocciolo della questione: similitudini e differenze tra i due approcci, fonte di continui dibattiti. […]

n 194 aprile 2014

Use Case vs. User Story

II parte: I casi d'uso

Nella parte precedente ci siamo occupati di definire le fondamenta di modello dei requisiti, riportando alcune definizioni formali ed evidenziando che il modello generale è composto da sotto-modelli, ciascuno per una specifica categoria di requisiti: funzionali, non-funzionali, data, e così via. In questo secondo articolo della serie, ci occupiamo di requisiti funzionali e della notazione dei casi d'uso.