Chi siamo

Dal 1996, architetture, metodologie, sviluppo software

Una breve storia della nostra rivista, con le tematiche principali trattate nel nostro sito.

La nostra storia


MokaByte nasce ufficialmente nel 1996 dall’impegno "pionieristico" di alcuni appassionati informatici (Giovanni Puliti, Fabrizio Giudici, Massimo Carli, Daniela Ruggeri) : Java stava allora muovendo i primi passi e si decise di creare una rivista web in lingua italiana che trattasse di questo linguaggio di programmazione ancora semisconosciuto. In breve, grazie ai numerosi articoli pubblicati e al riscontro dei lettori, nella seconda metà degli anni Novanta MokaByte diventa il punto di riferimento per la comunità italiana degli sviluppatori Java.
Nel 2000, con la progressiva evoluzione del panorama Java e la sempre maggiore attenzione al mondo Enterprise, MokaByte entra a far parte di Imola Informatica (che a partire dal 2005 diventa Gruppo Imola), per poter svolgere in maniera più coordinata e strutturata la sua opera di divulgazione e informazione sui temi legati in qualche modo al mondo Java Enterprise.

Se inizialmente MokaByte si è focalizzata sul "linguaggio Java" sulle sue strutture, sul suo utilizzo e sui tool di sviluppo, con il passare degli anni e l’evoluzione del composito mondo Java, l’attenzione si è sempre più ampliata a includere tecnologie Java Enterprise e anche tecnologie non propriamente Java (ma in qualche modo legate a tale piattaforma). Attualmente grande rilievo e notevole spazio vengono riservati alle tematiche architetturali, alla metodologia di sviluppo e al project management. In un’ottica sempre attenta alle novità e ai possibili sviluppi del mondo web e informatico, non vengono tralasciati temi quali il Semantic Web e il Web 2.0 nelle sue numerose espressioni.