XI parte: Lo Scrum Master come facilitatore. gli stili relazionali (prima parte: passivo e aggressivo)
Uno dei compiti dello Scrum Master è quello di aiutare il team a crescere e a migliorarsi continuamente, sia come gruppo che individualmente. Uno dei modi per farlo è quello di riconoscere i propri punti deboli per eliminarli. Il feedback è uno strumento indispensabile per fare questo esercizio. Imparare a dare e ricevere feedback diventa quindi importantissimo.

di

XII parte: Lo Scrum Master come facilitatore. Gli stili relazionali (seconda parte: manipolato e assertivo)
Uno dei compiti dello Scrum Master è quello di aiutare il team a crescere e a migliorarsi continuamente, sia come gruppo che individualmente. Uno dei modi per farlo è quello di riconoscere i propri punti deboli per eliminarli. Il feedback è uno strumento indispensabile per fare questo esercizio. Imparare a dare e ricevere feedback diventa quindi importantissimo.

di

I parte: Una riflessione che parte da un caso reale
Quali possono essere i costi reali di un software? Cosa significa ridurre i costi e ottimizzare i ricavi? Partendo da alcuni casi reali, facciamo una riflessione su quale sia la reale portata di un taglio dei costi poco oculato.

di

Uno sguardo d’insieme alle varie declinazioni di “Agile”
L’affermazione sempre più ampia dei principi e delle pratiche Agile, in certi casi anche al di fuori dell’industria di sviluppo del software, pone dei problemi di discussione e ridefinizione di alcuni elementi che ne hanno decretato il successo, alla luce dei nuovi scenari e con una proiezione gli anni a venire.

di