Better Software il 13 e 14 giugno 2016

Torna nella sua collocazione “tradizionale” di fine primavera (13 e 14 giugno) Better Software “The Italian most eclectic conference about management”.
Per quest’anno, la conferenza adotta un approccio incentrato sui workshop, visto il successo e i giudizi positivi raccolti al riguardo.
Infatti Better Software 2016 consisterà in una serie di sessioni da 2, 4 o 6 ore in cui si “lavorerà” in modo che i partecipanti possano sperimentare scenari realistici attraverso simulazioni, serious gaming, e altre tecniche di apprendimento esperienziale, in un contesto rilassato e produttivo.
Resta immutata l’attenzione a contenuti interessanti e innovativi: come migliorare la progettazione software, come usare nuovi strumenti e nuove tecnologie, come applicare metodologie agili in scenari Enterprise.
Degna di nota è la Product Acceleration Track, un’intera giornata dedicata all’approfondimento dei passi necessari per l’innovazione del prodotto: dalla sua ideazione fino alla fase di produzione, prendendo in esame tutti gli aspetti operativi, con esempi derivanti dell’esperienza reale.
Tutti i workshop condividono lo stesso formato: sessioni di “lavoro” abbastanza lunghe, molto pratiche, in cui si apprende attraverso l’esperienza diretta, con simulazioni di scenari reali. A tal fine, proprio per favorire la qualità dell’esperienza, ciascun workshop può accettare un numero limitato di partecipanti, in modo che la condivisione delle informazioni e l’apprendimento di nuove competenze possa essere facilitato dai coordinatori del workshop.
Tutte le informazioni su programma, iscrizioni, costo dei biglietti di #BSW16 sono disponibili nel sito di Better Software.
Come al solito, MokaByte, che è media-partner dell’evento, seguirà Better Software con un ampio resoconto nel numero di luglio-agosto.

Scrivi una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Pubblicato il 9 maggio 2016