Il programmatore e le sue api

VII parte: Ancora sull‘uso dei pattern nella architetturadi

Realizzare una applicazione Java EE non può prescindere dalla definizione di una sapiente ed efficace architettura enterprise, per la quale l‘uso dei pattern è spesso una scelta irrinunciabile. In questo articolo continuiamo con la trattazione di alcuni pattern usati nelle architetture multistrato.

Dopo aver visto il mese scorso quale sia il percorso che porta alla scelta di una architettura e perche' sia necessario parlare di pattern, proseguiamo questo mese con la trattazione di alcuni pattern spesso utilizzati nella composizione della architettura multistrato.

I pattern Proxy e Adapter

Una delle parole d'ordine di un architetto enterprise è "disaccoppiare", ossia cercare sempre di limitare le interdipendenze fra i vari strati applicativi, fra i vari componenti, fra i vari sottosistemi. Questo legame "lasco" si ottiene grazie a una sapiente organizzazione progettuale che vede nel pattern programming lo strumento più semplice ma anche più efficace.

Fra i pattern, il Proxy è probabilmente uno dei più rappresentativi e rappresentati proprio grazie alla sua funzione disaccoppiante: un proxy, che in italiano si traduce con "procuratore", è un generico strumento che opera in un sistema in rappresentanza di qualcun altro. Di fatto è la quintessenza del significato di disaccoppiamento e si usa tutte le volte in cui un fornitore di servizio o di una funzionalità viene invocato da un consumatore. Da un punto di vista generale, l'invocazione è sempre un processo che ha politiche complesse che è meglio non esporre se non si vuole dover informare il mondo esterno (invocante) della modalità di invocazione.

La soluzione è quella di creare un surrogato dell'oggetto che si incarichi delle politiche di invocazione, e delegare all'oggetto stesso l'esecuzione del codice. In questo caso la classe proxy si fa carico di gestire e nascondere tutta la complessità relativa all'invocazione. Apparentemente è una sorta di modello per delega (che nel pattern programming è realizzato dal Delegation Model). Un uso sapiente del Proxy permette all'applicazione di "cambiare pelle" senza essere stravolta.
Se l'interfaccia lato invocante è identica all'oggetto nascosto la cui invocazione è delegata, allora si parla di pattern Proxy, altrimenti in caso di una diversa "impedenza" fra i due soggetti coinvolti, è preferibile usare una variante più generica del Proxy, ossia l'Adapter.
Lo scopo di questo schema è quello di convertire l'interfaccia di una classe in un'altra prevista da codice client. Oltre al suo scopo di disaccoppiatore generico, l'Adapter consente di far collaborare tra loro classi diverse che altrimenti risulterebbero incompatibili a causa delle loro interfacce, come mostrato in maniera piuttosto chiaro nelle figure 1 e 2.

 

Figura 1 - L'implementazione del pattern Adapter tramite l'uso della ereditarietà multipla.

 

Figura 2 - L'implementazione del pattern Adapter tramite l'uso di interfacce.

Uno scenario tipico di utilizzo del pattern Adapter è quello in cui si deve mettere in comunicazione il sistema con componenti esterni. In tal caso si hanno normalmente a disposizione ristretti margini di libertà: non è possibile intervenire sul codice delle classi che contengono l'implementazione specifica e non è possibile nemmeno utilizzare l'ereditarietà come meccanismo per il re-indirizzamento.
Nella maggior parte dei casi l'uso di un adapter (per composizione) è la soluzione più semplice ed elegante, dato che permette di disaccoppiare l'interfaccia vista dal client da quella esposta dalla classe che definisce l'implementazione. Al variare della implementazione interna dell'oggetto provider, l'interfaccia interna è stabile. Da un punto di vista perfettamente simmetrico l'adapter consente una grande libertà in fase di costruzione della applicazione: è possibile infatti aggiungere funzionalità custom nell'adapter non supportate dall'oggetto implementante, rimandando a un secondo momento la sua implementazione. In entrambi i casi l'obiettivo è quello di disaccoppiare l'interfaccia utilizzata dall'applicazione, limitando la reciproca conoscenza.
Un'ulteriore conseguenza derivante dall'uso dell'adapter è la possibilità di separare le evoluzioni delle due componenti (provider e consumer della funzionalità): i due cicli di vita possono mantenersi del tutto slegati fra loro; e a mantenere il legame ci penserà il contratto dato dall'interfaccia.
Il prezzo da pagare derivante dall'uso di un adapter (che mantiene ad alto livello l'astrazione del legame fra consumer e provider del servizio) è la necessità di spendere del tempo in una documentazione dettagliata per mostrare come le funzioni sono implementate all'interno della classe  fornitrice del servizio.
Su MokaByte abbiamo parlato spesso dei pattern Adapter e Proxy: rimando ai riferimenti per chi volesse approfondire i dettagli legati alla implementazione di questo schema (si consulti per il pattern Adapter [ADA-1] e [ADA-2], mentre per il Proxy [PRX-1] e [PRX-2]).

Service Locator

In una applicazione complessa, strutturata e composta da varie componenti eterogenee, una delle complicazioni maggiori deriva dalla necessità di ricavare risorse in maniera semplice e possibilmente automatizzata.
Si pensi al caso in cui un client (o meglio una classe che implementa il business delegate) debba ricavare un riferimento alla classe server side (p.e.: un session bean) che implementa la funzionalità, oppure debba agganciare in modo trasparente la connessione al web service, senza dover dipendere dai dettagli implementativi.
Spesso si tratta di semplici operazioni, con un elevato tasso di ripetitività (quindi poco interessanti per il programmatore), ma tecnicamente dense di passaggi critici (come l'azione di ricavare un oggetto remoto, la connessione all'albero JNDI, etc.). Sono quindi passaggi in cui l'errore è dietro l'angolo, e dove errore significa catastrofe, blocco del sistema, gravi messaggi di exception.
In questi contesti l'uso del pattern Service Locator (SL) aiuta nella progettazione della applicazione dato, che consente di centralizzare e portare a fattor comune quelle parti "scomode". Questo schema infatti gestisce le operazioni di localizzazione e creazione dei business objects, preoccupandosi di nascondere la complessità delle operazioni di ricerca (lookup) dei servizi e fornendo una modalità uniforme per le operazioni di lookup e creazione dei servizi. Per il tipo di lavoro che svolge questo componente, al suo interno si possono implementare con varie politiche strumenti di caching.
Nell'esempio che segue è mostrato un esempio di implementazione di ServiceLocator che consente di centralizzare il processo di reperimento da parte del client di un reference remoto o locale (nel caso di chiamate in-container) di un generico session bean (identificato per nome e nome-classe).
Si noti l'implementazione del metodo getJNDIContext() che permette di ricavare il context JNDI nascondendo il caricamento del file di proprietà in alternativa all'uso di una configurazione di default

public class ServiceLocator {
    private static ServiceLocator serviceLocator;
    private static Context context;
    
    protected ServiceLocator(Properties jndiProperties) throws ServiceLocatorException {
        try {
            context = getInitialContext(jndiProperties);
        }
        catch (Exception e) {
            throw new ServiceLocatorException(e.getMessage());
        }
    }
    
    protected ServiceLocator() throws ServiceLocatorException {
        try {
             context = getInitialContext();
        }
        catch (Exception e) {
            throw new ServiceLocatorException(e.getMessage());
        }
    }
    public static EJBHome getEjbHome(String ejbName, Class ejbClass)
            throws ServiceLocatorException {
        try {
            Object object = context.lookup(ejbName);
            EJBHome ejbHome = null;
            ejbHome = (EJBHome) PortableRemoteObject.narrow(object, ejbClass);
            if (ejbHome == null) {
                throw new ServiceLocatorException("Could not get home for " + ejbName);
            }
            return ejbHome;
        }
        catch (NamingException ne) {
            throw new ServiceLocatorException(ne.getMessage());
        }
    }
    
    public static EJBLocalHome getEjbLocalHome(String ejbName) throws ServiceLocatorException {
        try {
            Object object = context.lookup(ejbName);
            EJBLocalHome ejbLocalHome = null;
            ejbLocalHome = (EJBLocalHome) object;
            if (ejbLocalHome == null) {
                throw new ServiceLocatorException("Could not get local home for " + ejbName);
            }
            return ejbLocalHome;
        }
        catch (NamingException ne) {
            throw new ServiceLocatorException(ne.getMessage());
        }
    }
    
    public static Object getJNDIObject(String objectName) throws ServiceLocatorException {
        Object object;
        try {
            object = context.lookup(objectName);
            if (object == null) {
                throw new ServiceLocatorException(msg);
            }
            return object;
        }
        catch (NamingException ne) {
            throw new ServiceLocatorException(ne.getMessage());
        }
    }
    
    public static synchronized ServiceLocator getInstance() throws ServiceLocatorException {
        if (serviceLocator == null) {
            serviceLocator = new ServiceLocator();
        }
        return serviceLocator;
    }
    
    public static synchronized ServiceLocator getInstance(Properties jndiProperties)
            throws ServiceLocatorException {
        if (serviceLocator == null) {
            serviceLocator = new ServiceLocator(jndiProperties);
        }
        return serviceLocator;
    }
    
    private Context getInitialContext(Properties jndiProperties) throws NamingException {
        if (jndiProperties == null){
            throw new NamingException(
                  "Impossibile inizializzare il context JNDI se jndiProperties è nullo");
        }
        Context context = new InitialContext(jndiProperties);
        return context;
    }
    
    private Context getInitialContext() throws NamingException {
        Context context = new InitialContext();
        return context;
    }
    
}

 

La propagazione dei dati fra strati differenti: il pattern DTO

Uno dei problemi più frequenti da risolvere quando si devono mettere in comunicazione strati ap-plicativi differenti e' quello di trasferire le informazioni fra i vari layer che compongono l'ap-plicazione nel complesso.
Spesso la comunicazione fra i layer applicativi avviene tramite un qualche protocollo di comunicazione remota (come RMI/IIOP, CORBA, SOAP) secondo un approccio che tende a semplificare la costruzione dell'architettura nel suo complesso, ma che ovviamente introduce un costo in termini di performance.

Si immagini la comunicazione che si instaura fra un client EJB ed il relativo session bean remoto; si ipotizzi che in un determinato momento della esecuzione del client, questo debba ricavare una serie di informazioni relative a una qualche struttura dati remota. Per esempio, quando un client deve ricavara, potrebbe aver bisogno di reperire gli attributi diretti della entità come invece delle informazioni conservate nelle strutture dati collegate all'entità principale (ossia oggetti dipendenti, secondo il classico schema master-detail). Dato che si sta operando in uno scenario distribuito, appare evidente come sia particolarmente scomodo (per il programmatore) e costoso (in termini di tempo di esecuzione) eseguire tante invocazioni remote per ottenere tutte le informazioni in maniera spicciola, ad esempio invocando uno per volta i seguenti metodie le informazioni di una entità individuata per chiave primari:

 

public String getAttributeA(String id);
public String getAttributeB(String id);
public String getAttributeC(String id);
public String getAttributeDependent(String id);

L'invocazione dei metodi remoti di un EJB comporta il transito di informazioni sullo strato di rete, per cui è preferibile ridurre al minimo le chiamate remote verso il session bean. Dato che non si vuole legare lo strato EJB con quello invocante è necessario trovare un sistema per estrapolare i dati dallo strato server  per passarli al client chiamante.
La soluzione a questo semplice problema è quella di trasferire le informazioni dall'entità ad un oggetto serializzabile (in modo da trasferirlo in rete come parametro di risposta del metodo remoto del session), ed inviare tale oggetto dal server verso il client. In questo modo si potrebbero sostituire le "n" invocazioni del caso precente con la sola

public myDTO  getAttributes(String id);

Questo schema porta alla realizzazione di un oggetto detto Data Transfer Object (pattern DTO), che può essere realizzato tramite due soluzioni: utilizzare un DTO basato su strutture dati generiche (pattern GenericDTO) o uno appositamente costruito (CustomDTO).
Nel primo caso tutte le informazioni dell'utente verranno estrapolate dall'entità server side ed inserite in una collezione di qualche tipo (usualmente un oggetto di tipo Properties o Hashtable) presente fra le librerie standard del JDK: in questo modo sia il client che il server dispongono del bytecode di questo generic DTO per cui le operazioni di serializzazione e deserializzazione così come il processo di trasferimento in rete potrà essere effettuato senza problemi. Lo svantaggio di questa soluzione è che non offre nessun supporto sul controllo dei tipi e dei nomi dei campi: ad esempio il ricevente del DTO non può avere la certezza della presenza di un campo "attributeABC" al posto di "attributeAbc" o semplicemente "attribute_abc". Il DTO generico quindi rappresenta una soluzione semplice ma non garantisce la correttezza della applicazione se non in fase di esecuzione al verificarsi di eccezioni di tipo NullPointerException.
Questo tipo di DTO può essere scomodo da gestire se la struttura dati da trasferire risulta essere particolarmente complessa: si pensi al caso in cui l'oggetto base contenga al suo interno riferimenti ad altri oggetti (dependent objects). In tali casi è preferibile utilizzare un DTO custom, ossia una struttura dati appositamente pensata per trasferire le informazioni dell'entità fra i vari strati: il nome dei campi i tipi e la struttura dati complessiva risulta ben definita sia per il client che per il server e non si potranno avere errori in fase di esecuzione. L'errato accesso ad un campo non correttamente specificato causa un errore in compilazione, che potrà essere facilmente corretto.
Il prezzo da pagare in questo caso è dato dalla necessità di distribuire il bytecode della classe DTO su tutti gli strati che la utilizzano. Questo significa che per ogni modifica alla struttura dati del DTO sarà necessario ricompilare e ridistribuire i file .class corrispondenti.
Nel caso in cui si decida di optare per un DTO custom, si potrà anche dar vita a una gerarchia di oggetti DTO che partendo dal minimo indispensabile (nel DTO classe base) arrivi fino a un contenitore nel quale inserire tutte le informazioni dell'entità riferita ma anche delle eventuali entità dipendenti. La fantasia del programmatore in questi casi non ha limiti e volendo si possono creare tanti oggetti DTO "tagliati" sulle esigenze dei vari use case che insistono sulla entità di base.
Ogni caso d'uso infatti potrà in ogni momento decidere di manipolare o modificare gli stessi dati in modo differente, oppure semplicemente agendo su aggregati differenti dello stesso costrutto base (un po' come avviene per le view di un database).
In definitiva non esiste una regola universalmente valida per la scelta fra un DTO generico e un DTO creato ad hoc. Molto dipende dal caso in esame e dalla complessità dei dati. Un DTO preso direttamente dal sistema (in Java dalle librerie del JDK) limita la dipendenza dei vari layer applicativi con la libreria che contiene il DTO: è possibile proseguire con lo sviluppo dei vari componenti senza la paura di rimanere bloccati per le dipendenze che si instaurano. Se invece si usa un DTO personalizzato, si ottiene un oggetto di trasporto altamente specializzato che permette di rispondere esattamente alle esigenze specifiche del problema; di conseguenza, però, siamo in presenza di un oggetto che, essendo spostato fra i vari strati del sistema, di fatto introduce un legame logico fra i vari layer. Una corretta separazione dei vari cicli evolutivi dei vari contesti coinvolti (i layer in contrapposizione con il DTO) consente di limitare i problemi.

Figura 3 - L'utilizzo di un DTO permette di ridurre drasticamente il numero di invocazioni remote e semplifica l'aggregazione dei dati.

 

Conclusioni

Si conclude con questo articolo la parte della serie dedicata all'analisi delle architetture e del "pattern programming". Come il lettore potrà aver notato, lo scopo di questi due articoli (la VI e la VII parte) non è stato  quello di presentare l'ennesima  trattazione dettagliata sul pattern programming, ma piuttosto mostrare come la definizione di una architettura enterprise possa essere arricchita e completata tramite l'uso dei pattern.
Parallelamente, questo mese la serie "si sdoppia", con il primo (VIII parte) di una serie di articoli dedicati alla programmazione di applicazioni JavaEE realizzati da Alfredo Larotonda: in questo "binario parallelo" verranno fatte alcune valutazioni in analogia con quelle qui presentate ma con lo scopo di offrire un raffronto con tecnologie concorrenti.

Riferimenti

[ADA-1] Lorenzo Bettini, "Il pattern adapter: la teoria", MokaByte 33, Settembre 1999
http://www.mokabyte.it/1999/09/adapter_teoria.htm

[ADA-2] Andrea Trentini, "Il pattern adapter: la pratica", MokaByte 33, Settembre 1999
http://www.mokabyte.it/1999/09/adapter_pratica.htm

[PRX-1] Lorenzo Bettini, "Il pattern Proxy: la teoria", MokaByte 31, Giugno 1999
http://www.mokabyte.it/1999/06/proxy_teoria.htm

[PRX-2] Andrea Trentini, "Il pattern Proxy: la pratica", MokaByte 31, Giugno 1999
http://www.mokabyte.it/1999/06/AT_Proxy.html

[SL] Stefano Rossini, "Il Pattern Service Locator", MokaByte 66, Ottobre 2002
http://www.mokabyte.it/2002/10/pattern_sl.htm

 

 

 

 

Condividi

Pubblicato nel numero
133 ottobre 2008
Giovanni Puliti lavora come consulente nel settore dell’IT da oltre 20 anni. Nel 1996, insieme ad altri collaboratori crea MokaByte, la prima rivista italiana web dedicata a Java. Da allora ha svolto attività di formazione e consulenza su tecnologie JavaEE. Autore di numerosi articoli pubblicate sia su MokaByte.it che su…
Articoli nella stessa serie
Ti potrebbe interessare anche