Git, the stupid content tracker

IX parte: Un’occhiata ai tagdi

I tag: “pietre miliari” in un repository

In questo nuovo appuntamento della serie su Git, diamo un’occhiata ai tag; come saprete, i tag sono “pietre miliari” all’interno di un repository, e vengono spesso utilizzati per fissare un passaggio importante nell’evoluzione del nostro del nostro progetto, ad esempio una nuova release

Nell’articolo, vedremo in che modo Git è in grado di gestire i tag, e quali sono le funzionalità che ci mette a disposizione.

 

I tag sono etichette fisse

I tag sono etichette che possono essere applicate a un commit, ma, a differenza dei branch, questi tag rimarranno per sempre “appiccicati” allo stesso commit.

Creare un tag è semplice: si ha bisogno solo del comando git tag, seguito da un nome a scelta, che rispetti le stesse convenzioni già viste in passato per i branch [1]; per provarlo, possiamo crearne uno nel “tip commit” (ossia l’ultimo) del ramo bevande; riprendiamo quindi il nostro repository ed eseguiamo il checkout del branch bevande:

 [1] ~/es03 (snack)
 $ git checkout bevande
 Switched to branch ‘bevande’
 [2] ~/es03 (bevande)
 $ git log --graph --decorate --oneline --all
 * e29f5c6 (snack) Aggiunge lista snack a disposizione per l’ufficio
 | * 4072e76 (HEAD -> bevande) Aggiunge l’acqua alle bibite
 |/
 * 87cacc7 (master) Aggiunge una matita
 * 6cf12f4 Aggiunge una penna alla lista della cancelleria

git tag

Utilizziamo ora il comando git tag seguito da un nome a piacere, ad esempio acqua:

 [3] ~/es03 (bevande)
 $ git tag acqua

Vediamo cosa dice il log di Git:

 [4] ~/es03 (bevande)
 $ git log --graph --decorate --oneline --all
 * e29f5c6 (snack) Aggiunge lista snack a disposizione per l’ufficio
 | * 4072e76 (HEAD -> bevande, tag: acqua) Aggiunge l’acqua alle bibite
 |/
 * 87cacc7 (master) Aggiunge una matita
 * 6cf12f4 Aggiunge una penna alla lista della cancelleria

Come si può vedere nel log, ora sulla “foglia” del ramo bevande c’è anche un tag chiamato acqua; su quel commit quindi ora albergano tre reference: HEAD, il branch bevande ed il tag acqua.

Se ora facessimo un commit in questo ramo, vedremmo che il tag acqua rimane al suo posto, mentre HEAD e il branch bevande proseguono la strada; per fare un piccolo esperimento, aggiungete una nuova riga al file bibite.txt:

 [5] ~/es03 (bevande)
 $ ll
 total 14
 drwxr-xr-x 1 san 1049089 0 Dec 15 08:33 ./
 drwxr-xr-x 1 san 1049089 0 Nov 10 15:12 ../
 drwxr-xr-x 1 san 1049089 0 Dec 15 08:33 .git/
 -rw-r--r-- 1 san 1049089 6 Dec 15 08:33 bibite.txt
 -rw-r--r-- 1 san 1049089 13 Oct 1 17:16 cancelleria.txt
 [6] ~/es03 (bevande)
 $ echo “chinotto” >> bibite.txt

Eseguite ora un commit:

 [7] ~/es03 (bevande)
 $ git status
 On branch bevande
 Changes not staged for commit:
     (use “git add <file>...” to update what will be committed)
     (use “git checkout -- <file>...” to discard changes in working directory)
         modified:   bibite.txt
 no changes added to commit (use “git add” and/or “git commit -a”)
 [8] ~/es03 (bevande)
 $ git commit -am “Aggiunge il chinotto alla lista delle bevande”
 [bevande 17fd57b] Aggiunge il chinotto alla lista delle bevande
     1 file changed, 1 insertion(+)

Esaminiamo ora la situazione attuale:

 [9] ~/es03 (bevande)
 $ git log --graph --decorate --oneline --all
 * 17fd57b (HEAD -> bevande) Aggiunge il chinotto alla lista delle bevande
 * 4072e76 (tag: acqua) Aggiunge l’acqua alle bibite
 | * e29f5c6 (snack) Aggiunge lista snack a disposizione per l’ufficio
 |/
 * 87cacc7 (master) Aggiunge una matita
 * 6cf12f4 Aggiunge una penna alla lista della cancelleria

Questo è esattamente quello che abbiamo previsto: mentre HEAD e il branch bevande hanno seguito l’evoluzione dei commit, spostandosi all’ultimo commit eseguito, il tag acqua è rimasto al suo posto.

Uso e utilità dei tag

I tag sono utili per dare un significato peculiare a alcuni commit particolari; per esempio, da sviluppatore, può risultare utile etichettare ogni release del proprio software: ecco, ciò che c’è da sapere sulla creazione di un semplice tag è tutto qui… o quasi.

Anche i tag sono reference e vengono memorizzati, come i branch, sotto forma di semplici file di testo nella sottocartella tags all’interno della cartella .git; date un’occhiata sotto la cartella .git/refs/tags, e vedrete un file acqua. Guardiamone il contenuto:

 [10] ~/es03 (bevande)
 $ cat .git/refs/tags/acqua
 4072e76d6b86ba717bb1e43d0e43576ef4bfe676

Come forse avevate già previsto nella vostra testa, il file contiene lo hash del commit a cui si riferisce.

Rimuovere un tag

Per eliminare un tag, è sufficiente aggiungere l’ opzione –d, per esempio:

 git tag -d <nome del tag>

Poiché, per definizione, non è possibile spostare un tag, se ci si rende conto che un tag andava messo su un commit diverso è necessario eliminare il tag precedente e crearne uno nuovo con lo stesso nome associato al commit desiderato.

È possibile creare un tag che punti a un particolare commit là dove si desidera e in qualsiasi momento; basta aggiungere l’hash del commit come argomento, ad esempio:

 git tag mioTag 07b1858.

 

Tag annotati

Git ha due tipi diversi di tag; questo perché in alcune situazioni si potrebbe voler aggiungere un messaggio — ad esempio il changelog o le note di release del proprio software — o semplicemente perché si vuole associare al tag il nome dell’autore.

Noi per ora abbiamo visto il primo tipo di tag, quello più semplice; ma i tag che possono contenere le informazioni extra appena menzionate appartengono al secondo tipo, gli annotated tag.

Un annotated tag è sia una reference che un object di Git, come lo sono commit, tree e blob. Quando in passato abbiamo introdotto i Git objects, infatti, i più attenti ricorderanno che avevamo accennato al fatto che i Git objects erano 4: commit, tree, blob e, appunto, annotated tag. Ora andiamo finalmente a completare la nostra conoscenza al riguardo.

Creare un tag annotato

Per crearne un tag annotato basta aggiungere l’opzione -a al comando git tag; creiamone uno che punti al commit in cui abbiamo aggiunto una matita alla lista della cancelleria; eseguiamo un git log per scoprire l’hash di quel commit:

 [11] ~/es03 (bevande)
 $ git log --graph --decorate --oneline --all
 * 17fd57b (HEAD -> bevande) Aggiunge il chinotto alla lista delle bevande
 * 4072e76 (tag: acqua) Aggiunge l’acqua alle bibite
 | * e29f5c6 (snack) Aggiunge lista snack a disposizione per l’ufficio
 |/
 * 87cacc7 (master) Aggiunge una matita
 * 6cf12f4 Aggiunge una penna alla lista della cancelleria

Creiamo ora l’annotated tag, utilizzando l’opzione -a e l’hash del commit a cui vogliamo legare il tag:

 [12] ~/es03 (bevande)
 $ git tag -a matita 87cacc7

A questo punto Git apre l’editor predefinito — Vim nel mio caso — per permetterci di scrivere il messaggio da associare al tag, come è possibile vedere in figura 1.

Figura 1 – Con il nostro editor predefinito, possiamo scrivere il messaggio da associare al tag annotato.

Figura 1 – Con il nostro editor predefinito, possiamo scrivere il messaggio da associare al tag annotato.

 

Basta indicare un messaggio e poi salvare e uscire; nel caso ve lo foste dimenticato, si usa :wq o l’equivalente 😡.

Verificare la situazione

Diamo ora un’occhiata ai log:

 [13] ~/es03 (bevande)
 $ git log --graph --decorate --oneline --all
 * 17fd57b (HEAD -> bevande) Aggiunge il chinotto alla lista delle bevande
 * 4072e76 (tag: acqua) Aggiunge l’acqua alle bibite
 | * e29f5c6 (snack) Aggiunge lista snack a disposizione per l’ufficio
 |/
 * 87cacc7 (tag: matita, master) Aggiunge una matita
 * 6cf12f4 Aggiunge una penna alla lista della cancelleria

OK, ora c’è un nuovo tag sul commit 87cacc7.

Verifichiamo se è vero che è stata creata una nuova reference:

 [14] ~/es03 (bevande)
 $ cat .git/refs/tags/matita
 25b5f6a7289e15e2ca24772a2db62525977275ae

Sì, una nuova reference è stata creata sotto al cartella tags, così come era successo per il tag acqua.

Ma verifichiamo altresì se è stato creato anche un nuovo oggetto: proviamo ad analizzare il Git object a cui punta l’hash che abbiamo appena visto nella reference:

 [15] ~/es03 (bevande)
 $ git cat-file -p 25b5f6a7289e15e2ca24772a2db62525977275ae
 object 87cacc7d1aafa56815baa14a3ca23afd339e60c7
 type commit
 tag matita
 tagger Ferdinando Santacroce <ferdinando.santacroce@gmail.com> 1513324727 +0100
 Qui è dove abbiamo aggiunto una matita per la prima volta

Come si evince dal messaggio, questo è esattamente l’oggetto che Git ha creato con l’operazione precedente; si può notare come:

  • esso sia a tutti gli effetti un commit, come indicato dalla riga che dice type commit;
  • al suo interno sia indicata qual è la reference associata, indicato dalla riga tag matita;
  • esso riporti l’autore del tag, denominato “tagger”, con tanto di data di creazione del tag.

E così abbiamo visto anche come come appare un tag annotato.

Ovviamente, il comando git tag ha molte altre opzioni, ma qui ho voluto evidenziare solo quelle che penso valga la pena di sapere per il momento. Se però si desidera guardare tutte le opzioni di un comando, ricordo che, per vedere la guida completa, si può sempre fare un

 git <command> --help

 

Conclusioni

In questo breve appuntamento ci siamo concentrati su un argomento specifico, ossia quello dei tag; ora abbiamo quindi a disposizione uno strumento in più per organizzare al meglio il nostro repository.

Nella prossima puntata andremo un po’ più in profondità sulle “aree” che Git ci mette a disposizione per confezionare i nostri commit, dipanando eventuali dubbi su concetti come HEAD commit, staging area e working tree.

 

Riferimenti

[1] Ferdinando Santacroce, Git, the stupid content tracker – VII parte: Dalle foglie alla radice. MokaByte 230, luglio/agosto 2017

http://www.mokabyte.it/2017/07/git-7/

 

Condividi

Pubblicato nel numero
234 dicembre 2017
Ferdinando Santacroce lavora come programmatore presso Intré. Cominciò tutto quando, all’età di 13 anni, ricevette in regalo il suo primo computer, un Commodore64. Capì che la cosa era seria quando invece che giocare come tutti i suoi amici ai soliti giochini comprati in edicola, si divertiva a scrivere piccoli programmi…
Articoli nella stessa serie
Ti potrebbe interessare anche